Serata ATIAF abbinamento formaggi e vini spumanti – 12.12.2018

Serata ATIAF abbinamento formaggi e vini spumanti – 12.12.2018
Il 12 dicembre 2018 il Comitato ha proposto una serata di degustazione di formaggi in
abbinamento a vini spumanti che è stata molto apprezzata dalla trentina di partecipanti
soci e simpatizzanti ATIAF. L’interessante degustazione è stata condotta con grande
professionalità e competenza da due soci ATIAF. I vini sono stati presentati da Anna Valli,
sommelier professionista con diploma federale, la quale nel mese di ottobre 2018 si è pure
distinta durante il concorso per il Miglior Sommelier Svizzero ed è stata insignita del
Premio Provins per la miglior degustazione. La selezione dei formaggi è stata invece
curata da Hans Van Der Linden, maestro assaggiatore ONAF, membro della confraternita
di St. Eguzon/San Lucio e responsabile del negozio Formaggiusto di Torricella-Taverne.
Gli abbinamenti proposti in degustazione sono stati presentati con l’obbiettivo di
sperimentare l’accostamento di vini spumanti (tutti prodotti con metodo classico) di diverse
provenienze e caratteristiche (uno anche ticinese), ad alcune eccellenti tipologie di
formaggi a base di latte vaccino, caprino ed ovino, essenzialmente d’importazione con
un’unica eccezione. Tra gli abbinamenti è stato infatti proposto anche un formaggio d’alpe
ticinese, il Lucomagno-Piansegno DOP (gentilmente offerto per l’occasione dalla famiglia
Silvio Beer), che è risultato il vincitore del concorso autunnale ATIAF nell’ottobre 2018. Nel
corso della serata è stato possibile degustare anche del formaggio olandese Gouda di
diverse stagionature, particolare anche per l’aggiunta del colorante naturale arancione
‘annatto’, carotenoide estratto dai semi della pianta sud-americana Bixa orellana. Nel
corso della degustazione, le conoscenze e le preferenze individuali dei partecipanti in
ambito eno-gastronomico hanno dato adito ad un’interessante discussione sui singoli
abbinamenti proposti, tutti molto attenti a scoprirne le caratteristiche ed a cercare la
concordanza fra i prodotti. Particolarmente apprezzato anche un ottimo Champagne
millesimato, perfetto anche per il brindisi finale alle imminenti festività e per lo scambio di
auguri!

Guarda le foto
Brevemente qui di seguito l’elenco dei 7 vini spumanti e formaggi in abbinamento con le
relative provenienze e caratteristiche:

VINI
FORMAGGI
1. Sottosopra
blanc de noir – pinot noir
Cantina: Gialdi Vini SA – CH-
Mendrisio (www.gialdi.ch)
Bûche de chèvre Saint Loup -Francia
(Charentes)
Formaggio a pasta molle, grasso, di latte caprino
pastorizzato.
2. Trento Doc Millesimato
2013 – 100% chardonnay
Cantina: Altemasi – I-Trento
(www.altemasi.com)
Brillat Savarin – Francia (Normandie e
Bourgogne)
Formaggio a pasta molle, alla panna, di latte
vaccino pastorizzato.
Creato nel 1930 da Henri Androuët, famoso
fromager a Parigi e fondatore dalla confraternita
St. Uguzon / S. Lucio – Val Cavargna.
Brillat Savarin era un famoso gastronomo
francese del 18° secolo.
3. Cremant d’Alsace brut Brique tradition Brebis – Francia (sud-ovest)
(50% pinot blanc, 40% riesling, 10%
chardonnay)
Cantina: Lèon Boesch – F-Westhalten
(www.domaine-boesch.fr)
Formaggio a pasta molle, grasso, di latte ovino
crudo.
4. Franciacorta Cavalleri Satén –
100% chardonnay
Cantina: Cavalleri Franciacorta – I-
Erbusco BS (www.cavalleri.it)
Gouda con una stagionatura di 14 mesi –
Bodegraven, cuore verde dell’Olanda
Formaggio a pasta dura, grasso, di latte vaccino
pastorizzato.
5. Champagne Renaudin Rèserve
brut (30 %pinot noir, 70%
chardonnay)
Cantina: R. Renaudin – F-Epernay
(www.r-renaudin.com)
Gouda con una stagionatura di 20 mesi –
Bodegraven, cuore verde dell’Olanda
Formaggio a pasta dura, grasso, di latte vaccino
pastorizzato.
6. Champagne Renaudin Millesime
2006
Cantina: R. Renaudin – F-Epernay
(www.r-renaudin.com)
Piansegno Lucomagno DOP 2018, Valle di
Blenio (Ticino)
Formaggio svizzero a pasta semi-dura, grasso,
di latte vaccino crudo.
7. Moscato Dolce
Regina di Felicità
Cantina: Cascina Baricchi –I-Neviglio
CN (ww.cascinabaricchi.com)
Blue d’Auvergne – Francia (Auvergne – Massiccio centrale)
Formaggio a pasta erborinata, grasso, di latte vaccino pastorizzato.

Resoconto giornata ATIAF al San Lucio 6/10/2018

Ad inizio ottobre si è tenuta la passeggiata ATIAF al San Lucio. L’evento ha visto la presenza di 22 partecipanti tra soci e simpatizzanti, 16 dei quali sono saliti da Bogno a piedi, mentre per gli altri è stata organizzata la trasferta da Certara con un veicolo militare d’eccezione. Ad attenderci alla capanna italiana del San Lucio, c’era il Signor Gabriele Invernizzi ed il suo team di affinatori, tra i quali anche il Presidente del Consorzio di tutela DOP del Gorgonzola e Membro della Confraternita di St. Uguzon, i quali hanno presentato i loro formaggi in degustazione prodotti da latte crudo o termizzato e stagionati in una grotta a 8m sotto terra in Val Sassina: Stracchino Quadro (taleggio da latte vaccino), Stracchino Quadro (da latte di capra orobica, razza autoctona originaria delle Prealpi Orobie/Bergamo, presente anche nelle province di Lecco ed in Valtellina), Robiola (fresca) della Valsassina e Formaggio a pasta semidura San Lucio stagionato, per terminare con uno Stracchino allo zafferano della Valsassina (dove si pensa si sia originato naturalmente il formaggio erborinato poi denominato Gorgonzola grazie a delle muffe di Penicillium già naturalmente presenti in cantina). Alla degustazione ha poi fatto seguito un pranzo in comune a base di polenta e salmì di cervo. Il membro di comitato Roman ha poi presentato la storia e la filosofia di vita di San Lucio, patrono e Santo protettore degli alpigiani e dei casari.

Secondo la tradizione S. Lucio è vissuto tra i secoli XIII e XIV. Era un pastore che si prendeva cura del bestiame e regalava ai poveri il formaggio che il suo padrone gli dava come ricompensa per il lavoro svolto. Il formaggio che Lucio donava, miracolosamente si moltiplicava in fretta, scatenando l’ira del datore di lavoro a causa dei mancati guadagni. Ad un certo punto il padrone, sopraffatto dalla rabbia, uccise Lucio in prossimità di uno stagno collocato sul crinale che divide la Val Cavargna dalla Val Colla, a cavallo tra Svizzera e Italia, dove è poi sorto il suo Oratorio.

San Lucio è anche denominato San Luguzzone, Sant’Uguzo, o Uguzzo, Sant’Uguccione, Saint Uguzon. Il 23 agosto 2009, proprio presso la chiesa di San Lucio, si è tenuto il ‘pellegrinaggio’ della “Guilde des fromagers – Confrerie de Saint Uguzon” (https://www.guildedesfromagers.fr) per onorare il santo patrono dei casari. È un’associazione internazionale, nata in Francia nel 1969 e che attualmente vanta 3800 membri sparsi nel mondo di cui 100 in Svizzera e 10 in Ticino. Ne fanno parte specialisti nella produzione o persone che vendono e si occupano di formaggio. Questa si riunisce normalmente in varie parti del mondo per condividere la storia ed esaltare il valore di questo nobile prodotto che è il formaggio.

Allegati:

Gilda dei Casari, Confraternita di St. Uguzone (Guide des fromages – Confrérie de Saint Uguzon).

documentario della RSI su San Lucio, il formaggio e gli alpigiani

le foto

Giornata ATIAF sull’Alpe Campo La Torba – 19.08.2018

Alla presenza di una ventina di partecipanti tra soci ATIAF e simpatizzanti, in una bella e calda giornata estiva si è tenuta la visita all’Alpe Campo La Torba, che si raggiunge percorrendo la strada che da Fusio (alta Valle Maggia) costeggiando il lago Sambuco porta alla diga del Naret, luogo che offre un meraviglioso scorcio sulle montagne che circondano il bacino artificiale. L’alpeggio è sito in territorio di Val Lavizzara, ma di proprietà del Patriziato leventinese di Airolo che ne riceve il pagamento dell’affitto. Non ci sono documenti a testimoniarlo ma si presume che già nel XV secolo i leventinesi comperarono questo ed altri alpeggi perché temevano potesse essere una potenziale via d’accesso e d’invasione dei bellicosi Confederati svizzeri verso il Ducato di Milano, dato che queste zone all’epoca ne segnavano il confine.

Guarda le foto

Iniziativa “Qui batte un cuore Onaf”!

DI COSA SI TRATTA

a) Il socio Onaf in regola con il pagamento della quota annuale e titolare o dipendente di una attività commerciale in cui siano presenti i formaggi (ad es. formaggeria, negozio di alimentari, gastronomia, frutta e verdura, panetteria, negozio di prodotti tipici, ristorante, trattoria, osteria, wine bar, enoteca, agriturismo, ecc.) potrà richiedere l’attivazione di una convenzione (v. allegato n. 2) in base alla quale il locale sarà segnalato sul sito www.onaf.it e avrà quindi visibilità nazionale, con l’impegno di garantire uno sconto ai soci Onaf.

b) Altresì, tutti i soci in possesso di tessera in corso di validità godranno degli sconti previsti presso tali esercizi (potendo in questo modo “ripagarsi” l’importo della quota associativa Onaf).

allegato1

allegato2

Gli eventi del 2018

Cari Soci,

Fino ai giorni scorsi il Comitato è stato molto impegnato nell’organizzazione del corso assaggiatori di formaggi (livello I), che ha portato alla formazione e al diploma ben 40 neo assaggiatori di formaggio. Ci complimentiamo nuovamente con loro!

Vi chiediamo gentilmente di prendere nota dei seguenti prossimi eventi che caratterizzeranno la nostra vita associativa nel corso di questo 2018.

Gita sugli alpeggi ticinesi
Domenica 19 agosto saremo ospiti di Giorgio Dazio dell’Alpe Campo La Torba in Valle Maggia.
Potremo gustare i prodotti dell’alpe e approfittare della loro gentile accoglienza, programma dettagliato e modalità d’iscrizione seguiranno a breve.

Serate di tecnica di degustazione
Non è possibile per quest’anno organizzare serate di tecnica di degustazione, in quanto i membri del piccolo Comitato ATIAF sono già occupati da altri impegni nei periodi pre- e post-estivo.

Gita alla scoperta delle realtà locali
Sabato 6 ottobre 2018, partecipazione ad una giornata di degustazione di formaggi (Stracchino Quadro, robiola della Valsassina e Formaggio a pasta semidura) stagionati in loco presso la capanna San Lucio (trasferta a piedi da Bogno oppure in bus), con visita culturale della Chiesa con storia del casaro San Lucio, programma dettagliato e modalità d’iscrizione seguiranno.

Serata con abbinamento vini
Venerdì 7 dicembre vi proponiamo una serata di degustazioni di formaggi in abbinamento a dei vini, i dettagli dell’evento è ancora da definire.

Visita cantine di affinamento fontina a Valpelline in Val d’Aosta e a fiera St. Orso
Mercoledì e giovedì 30-31.01.2019 (la celebre fiera di St. Orso si svolge sempre in questi 2 giorni dell’anno e non si possono dunque spostare le date) con il seguente programma di massima:

30 gennaio 2019: – partenza al mattino presto dal Ticino, fermata mattino a Arnad (visita Maison Bertolin, produzione del famoso lardo e salumi), trasferta ad Aosta, visita libera alla fiera St. Orso (artigianato locale), cena (ristorante Vache Folle) e pernottamento ad Aosta o nei dintorni

31 gennaio 2019: – visita alle Cantine di stagionatura della fontina a Valpelline (centro visitatori, museo, visita guidata alle cantine di stagionatura che una volta erano miniere di rame), rientro ad Aosta e pomeriggio libero, tardo pomeriggio rientro in Ticino.

Abbiamo già una trentina di soci e accompagnatori iscritti. Vi chiediamo gentilmente se desiderate partecipare all’evento di segnalarlo tempestivamente entro e non oltre il 15 luglio 2018 inviando una e-mail a info@atiafticino.ch.